Tutti gli articoli di Italiani a Berlino

Tedesco idiomatico: Die Kuh vom Eis holen

Die Kuh vom Eis holen (oder…bringen / kriegen / führen / ziehen / schieben)

Questa espressione significa risolvere un problema difficile o che si prospetta di difficile soluzione.
A problema risolto si dirà più semplicemente Die Kuh ist vom Eis, che può significare appunto che l’ostico problema è stato risolto e che la situazione si è, quindi, più o meno normalizzata. Infatti questo modo di dire non si limita ad esprimere la semplice soluzione di un qualsiasi problema, bensì implica anche che questo problema ha creato (probabilmente per un certo periodo) una situazione piuttosto sgradevole che verosimilmente ha portato ad uno stallo o ad un’escalation di altri problemi. E quindi la locuzione indica che non solo il problema è stato risolto, bensì che grazie alla soluzione del problema si è anche disinnescata una situazione difficile.

Un esempio di utilizzo di questo modo di dire: 
»Ich bin am Samstag nach Stuttgart geflogen, um die Kuh vom Eis zu holen. Das hat geklappt«, sagte Clemens Tönnies, Aufsichtsratschef des deutschen Vizemeisters, der Nachrichtenagentur dpa. Die Zeit, 04.07.2010 (online)

Traduzioni giurate | Beeidigte Übersetzungen

Davide Miraglia: davidemiraglia@hotmail.com
Facebook: https://www.facebook.com/miraglia.translations

Dipl. Übersetzer DE | EN | IT
Ermächtigter Übersetzer und beeidigter Dolmetscher DE | IT

Fachgebiete:
Amtliche Urkunden
Beglaubigte Dokumenten
Verwaltung
Jura
Politik, EU
Medizin
Wirtschaft
Finanzwesen
Verlagswesen
Journalismus
IT
Grafik
Umwelttechnologie
Tierschutz, Antispeziesismus
LGBT-Rechte
Menschenrechte
Arbeitssicherheit


Post-graduate Translator DE | EN | IT
Certified Translator and Interpreter DE | IT

Areas of expertise:
Official documents
Authenticated documents
Administration
Law
Politics, EU
Medicine
Economics
Finance
Publishing
Journalism
IT
Art design
Environmental technology
Animal protection, Antispecism
LGBT-Rights
Human Rights
Occupational safety and health protection


Laureato in traduzione DE | EN | IT
Traduttore ed interprete giurato DE | IT

Aree di specializzazione:
Documenti ufficiali, certificazioni
Documenti autenticati
Amministrazione
Giurisprudenza
Politica, UE
Medicina
Economia
Finanza
Editoria
Giornalismo
Tecnologie dell’informazione e della comunicazione
Grafica
Tecnologie ambientali
Tutela degli animali, antispecismo
Diritti LGBT
Diritti umani
Sicurezza sul lavoro


Meine letzte Veröffentlichung:
Emma Bonino: Freiheit verpflichtet. Gespräche mit Giovanna Casadio (Europäische Verlagsanstalt 2015, 208 Seiten)
Mit einem Nachwort von Daniel Cohn-Bendit
(Übersetzt aus dem Italienischen / Italienischer Titel: “I doveri della libertà”)
Übersetzter: Davide Miraglia und Bettina Jänisch


La mia ultima pubblicazione:
Emma Bonino: Freiheit verpflichtet. Gespräche mit Giovanna Casadio (Ed. Europäische Verlagsanstalt 2015, 208 pagine)
Traduzione in tedesco de “I doveri della libertà” (libro-intervista con Emma Bonino, curata dalla giornalista Giovanna Casadio – Ed. Laterza 2011, pagg.157).
Con postfazione di Daniel Cohn-Bendit
Traduttori: Davide Miraglia e Bettina Jänisch


Logo Design by Roberto Castagna Graphic Design

____________
*TAGS*: certificati di nascita, certificati di matrimonio, certificati di separazione, documenti ufficiali, documenti per l’immigrazione, documenti per l’espatrio, documenti per l’acquisizione di cittadinanza, passaporti, visti, certificati di residenza, certificati scolastici, certificati universitari, certificati di formazione, certificati di lavoro, contratti, brevetti, moduli, statuti, estratti commerciali, curricula, candidature, Geburtsurkunden, Heiratsurkunden, Scheidungsurkunden, offizielle Dokumente, Papiere für Immigration, Papiere für Emigration, Papiere für Einbürgerung, Pässe, Visabescheinigungen, Wohnsitzbestätigungen, Schulzeugnisse, Ausbildungszeugnisse, Arbeitszeugnisse, Verträge, Patente, Formulare, Statuten, Handelsregisterauszüge, Lebensläufe, Bewerbungen, traduttore, Übersetzer, traduttori, CV, traduzione, laurea, master, bachelor, patente, assicurazione, RC Auto, Versicherung, sentenze di separazione, Mutterschaft, Vaterschaft, Anerkennung, riconoscimento, paternità, maternità, matrimonio, traduzioni ufficiali, asseverazione, traduzione certificata, traduzione autenticata, interpretariato, Anmeldung, Bürgeramt, anagrafe, stato civile, Botschaft, ambasciata, traduzione legale, traduzioni legali, laurea triennale, laurea specialistica, Vaterschaftsanerkennung, Mutterschaftsanerkennung, Führerschein, patente, rottamazione, Krankenkasse, casellario giudiziale, Führungszeugnis, immatricolazione, Immatrikulierung, Scheidung, Lebenslauf, mediazione linguistica, Ausbildung, Praktikum, tirocinio, Erbschein, successione, certificato di successione, Vertrag, contratto, estratto di nascita, referenza, referenze lavorative


Buon XX settembre

«Anche questa “repubblica pontificia” ha avuto e avrà
la sua funzione storica; sta a noi far sì che essa sia una
fase soltanto transitoria di un’evoluzione in corso;
sta a noi impedire che la rete degli interessi creati…
trasformi stabilmente questa democrazia appena nata
in cronica tirannia confessionale e in dittatura guelfa»
Piero Calamandrei (1950)

A Roma, il 20 settembre 1870, l’esercito italiano guidato dal generale Cadorna, assediò Roma aprendo una breccia nelle mura aureliane all’altezza di Porta Pia. Con la presa di Roma, dopo più di 1000 anni (esattamente dal 756), si sancì l’annessione di Roma al Regno di Italia decretando così la fine del dominio temporale dei papi e quindi dello Stato Pontificio. Venuta meno la protezione francese, a Pio IX non restò che rifugiarsi in Vaticano e dichiararsi prigioniero politico dello Stato italiano. L’anno successivo la capitale d’Italia fu trasferita da Firenze a Roma e contemporaneamente esplose così la cosiddetta questione romana, che perdurò fino alla sottoscrizione dei Patti Lateranensi del 1929. Il 20 settembre è stato celebrato ufficialmente, come festa nazionale, solo per pochi anni. Istituita nel 1895 da Francesco Crispi, fu abrogata nel 1930, dopo i Patti Lateranensi (consistenti in due accordi: un trattato e un concordato) sottoscritti dal Cardinale Segretario di Stato Pietro Gasparri per la Santa Sede e Benito Mussolini. Il seguito lo riassume molto bene Ernesto Rossi ne «Il nostro XX settembre» (discorso pronunciato a Firenze il 20 settembre 1959 e pubblicato nello stesso anno da «Il Ponte» e incluso anche in «Pagine anticlericali», Samonà e Savelli 1966, e in «Nuove pagine anticlericali», Kaos 2002):

«Liquidati tutti i partiti di opposizione, assassinati, o comunque tolti di mezzo per molti anni – col carcere, l’esilio, il confino – i leader dell’antifascismo, Mussolini aveva lasciato in piedi solo le organizzazioni dell’Azione cattolica, riconosciute dal Concordato, agli ordini della gerarchia ecclesiastica, e sotto la presidenza di una persona scelta dal papa. Queste organizzazioni sono state le naturali eredi del “regime”, le feconde incubatrici della Dc. E’ questa la fondamentale ragione del successo politico dei clericali dopo il 1945; e questo spiega la permanente riconoscenza verso il fascismo di quasi tutti i monsignori del Vaticano e di tanti maggiorenti democristiani (…).
Da diverse parti, e specialmente da parte dei socialisti, venne messo in rilievo che cancellare la festa del 20 settembre significava rinnegare – come l’aveva rinnegato Mussolini – il Risorgimento. Era vero. Ma attraverso l’art. 7, approvato dalla Costituente con i voti determinanti dei comunisti, l’Antirisorgimento era già nella Carta Costituzionale della Repubblica italiana. Per il Partito comunista parlò l’on. Marchesi. Fece un bel discorso, e concluse dicendo: “Sia celebrata la giornata della Conciliazione, ma non si cancelli il 20 settembre”. Mussolini era più logico. Non era possibile dichiarare contemporaneamente festività nazionale la data in cui viene esaltato il libero pensiero, il principio della laicità dello Stato, e la data più significativa del clericofascismo; quella che rappresentava l’affermazione del principio dello Stato confessionale. Può commemorare il 20 settembre solo chi vuole abolire il “Concordato” (…). 
Noi non sentiamo oggi alcun bisogno di un riconoscimento ufficiale del 20 settembre. Anzi speriamo che il sindaco Cioccetti si sia dimenticato quest’anno di mandare la corona d’alloro a Porta Pia per il Comune di Roma. Sarebbe un equivoco di meno. Il 20 settembre è un giorno nostro: non è il giorno dei clericali e dei fascisti. Il giorno loro è l’11 febbraio, quando l’uomo della Provvidenza, che – secondo quanto disse Pio XI – “non aveva le preoccupazioni della scuola liberale”, firmò quel Concordato che le stesso pontefice riconobbe “sarebbe stata follia sperare” dai precedenti governi».
_________
Per un approfondimento:
la puntata di “La presa di Porta Pia del 20 settembre 1870, la Chiesa, Ernesto Rossi, l’anticlericalismo radicale” di lunedì 20 settembre 2021 condotta da Aurelio Aversa su Radio Radicale .
Tra gli argomenti discussi: Anticlericalismo, Cattolicesimo, Chiesa, Ernesto Rossi, Istituzioni, Italia, Laicita’, Partito Radicale, Politica, Religione, Risorgimento, Roma, Stato, Storia.

Berlin Punk Rock Market

Al Punk Rock Market che si terrà domenica il 19 settembre 2021 al Cassiopea ci saranno oggetti da collezione, spillette, toppe, dischi, cassette, vestiti, monili, poster, adesivi e molto altro. Nel biergarten del club troverete delle bancarelle con dischi, vestiti, oggetti di seconda mano, cose fatte in casa e quant’altro. Ma il mercato offre molto di più del semplice piacere dello shopping. Potrete rilassarvi con gli amici nell’area dedicata al chill-out e al calcetto balilla mentre i DJ suonano i classici del punk rock e del garage .

Quando: Domenica, 19 settembre 2021
Orari di apertura: dalle 12 alle 18
Dove: Cassiopea | Revaler Str. 99 | 10245 Berlin–Friedrichshain
Mezzi di trasporto: S-Bahn: Warschauer Str. | U-Bahn: Warschauer Str. | Tram: M10, M13
Ingresso: gratuito
Evento su Facebook

Sequestrata a Berlino metanfetamina per il valore di 4,2 milioni di euro.

Martedì gli investigatori doganali hanno sequestrato 18,1 chilogrammi di Crystal Meth. Si tratta della più grande quantità di Crystal Meth sequestrata finora nella zona di Berlino e Brandeburgo. La quantità di stupefacente sequestrato avrebbe un valore di strada di 4,2 milioni di euro, secondo l’ente doganale e la Procura.

Inoltre, durante le perquisizioni di appartamenti e automobili, gli investigatori doganali hanno trovato quasi 29,6 chili di cocaina, 47,3 chili di ecstasy, 2 chili di marijuana e 30.000 euro in contanti. Tre sospetti trafficanti di droga, due tedeschi di 61 e 51 anni e un vietnamita di 40 anni, sono adesso in custodia cautelare. I tre sospettati avrebbero importato la droga dai Paesi Bassi e dalla Polonia. La droga doveva essere distribuita a intermediari e piccoli spacciatori per poi essere venduta in tutta la città. 

Per anni questa droga proveniva spesso da laboratori della Repubblica Ceca. La situazione adesso è cambiata, ha detto il procuratore generale Günter Sohnrey: ora ingenti quantità della sostanza arrivano in Germania dai Paesi Bassi. Ed è proprio di quest’estate la notizia della scoperta, proprio nei Paesi Bassi, del più grande laboratorio per la produzione di Crystal Meth. 

Questo maxi sequestro di metanfetamina è un chiaro segno che questa droga è ormai ampiamente diffusa a Berlino, conclude Sohnrey.