Archivi tag: Crisi del gas

Raggiunto compromesso europeo sul tetto al prezzo del gas

Già all’inizio del summit UE di Bruxelles è apparso chiaro che la contrarietà del governo tedesco a un tetto europeo al prezzo del gas stava perdendo sempre più terreno. Il timore che ciò porti inevitabilmente a delle restrizioni nell’approvvigionamento è condiviso solo da una manciata di Stati, infatti i due terzi degli Stati dell’UE sono favorevoli. 

Dopo quasi dodici ore di tensioni e negoziati, nelle prime ore di venerdì mattina i capi di Stato e di governo dell’UE hanno raggiunto un compromesso. Tuttavia, i leader chiedono decisioni urgenti per ridurre i prezzi del gas. Ciò include un tetto massimo di prezzo per il commercio del gas e un tetto massimo di prezzo per l’uso del gas nella produzione di energia elettrica, al fine di ridurre almeno i prezzi dell’elettricità. 

Per affrontare la crisi energetica, i capi di Stato e di governo hanno anche menzionato, come possibile parte della soluzione, un fondo finanziato dal debito dell’UE. In particolare, le conclusioni del Consiglio o del vertice dell’UE parlano dell’importanza, se del caso, del raggiungimento di soluzioni comuni a livello europeo, che è meno di quanto il presidente francese Macron e il capo del governo italiano uscente Mario Draghi avessero in mente quando hanno chiesto un meccanismo di solidarietà europeo. Di fatto, i leader hanno rimandato la disputa sui nuovi debiti dell’UE al prossimo futuro. È probabile che il dibattito prenda presto un nuovo slancio. 

La Commissione europea ha appena annunciato un’analisi dell’importo aggiuntivo necessario all’UE per svincolarsi dalle forniture energetiche russe. A maggio, l’autorità aveva stimato in circa 300 miliardi di euro il programma Repower-EU per la rapida espansione dell’elettricità verde o delle infrastrutture. Tuttavia, ora come ora, questa stima non è più sufficiente. La Commissione potrebbe infatti presentare cifre concrete sulla richiesta di fondi aggiuntivi nella prima metà di novembre. 

Al termine del vertice Ue, il premier uscente Mario Draghi ha dichiarato: «Il risultato di oggi mostra che l’Europa è più unita. Nessuno di noi prima di questa riunione, specialmente dopo il vertice di Praga, poteva immaginare che arrivassimo a una decisione così unitaria su quello che oggi è il problema più importante dell’Ue (…) La decisione di questa notte ha portato ad un calo del prezzo del gas, dopo l’accordo le quotazioni hanno perso il 10% a dimostrazione che la componente speculativa è rilevante (…) Questo è il mondo in cui andava affrontata la crisi dall’inizio e si tradurrà presto in bollette più basse. Il risultato di oggi dimostra che l’Ue è più unita». Scholz ha dichiarato che il vertice ha gettato «le basi per un’azione comune». Ha sottolineato soprattutto l’esistenza di un accordo sull’acquisto congiunto di gas da parte dell’UE. L’UE dispone ora di «un’ottima tabella di marcia», ha sottolineato invece la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen. 

La Germania e gli altri oppositori di un tetto al prezzo del gas, tra cui Paesi Bassi, Austria, Ungheria e Danimarca, sono riusciti almeno a far sì che le conclusioni del summit puntassero a un maggiore impegno per il risparmio energetico. La speranza è che il prezzo del gas scenda quando la domanda diminuisce, rendendo superfluo un tetto massimo del prezzo. Inoltre, sia l’introduzione del tetto massimo del prezzo per il commercio del gas che il tetto massimo del prezzo per il mercato dell’elettricità sono legati a una serie di condizioni. Tra questi, in primo luogo, la sicurezza dell’approvvigionamento di gas nell’UE. 

La Commissione, tuttavia, rimane scettica. Teme che ciò comporti un aumento del consumo di gas e che ciò sia troppo costoso. Dopo tutto, lo Stato dovrebbe pagare la differenza tra il prezzo del mercato mondiale e il prezzo massimo del gas per i produttori di elettricità. Resta da vedere se il rudimentale tetto ai prezzi proposto dalla Commissione prima del vertice sarà sufficiente per la maggioranza degli Stati dell’UE.